I QUATTRO MONDI DELLA CABALA’

Negli insegnamenti della Cabalà, che sono molto antichi e che non furono mai messi per iscritto sino alla rivelazione dello Zohar, ci viene detto che Hashem ha dato alla luce il mondo attraverso un processo di tzimtzum, che significa diminuzione e occultamento.

Il concetto fondamentale della Cabalà è che la luce spirituale di Hashem (data la mancanza di una parola migliore, usiamo la parola “luce” quando si parla di Hashem) è così forte, così accecante, da cancellare tutto il resto. Per creare un universo o per creare qualsiasi cosa, Hashem ha dovuto nascondere e diminuire la Sua luce. Questo atto di nascondersi è chiamato il primo tzimtzum.

Perché solo il primo? Perché per dare alla luce il mondo in cui viviamo, era necessario fare molti tzimtzumim (plurale di tzimtzum). In altre parole: Hashem può fare qualsiasi cosa desideri, dalla Sua prospettiva è completamente libero e in grado di fare qualsiasi cosa, e quindi sarebbe bastato fare solo uno tzimtzum. Il fatto che Hashem abbia dato alla luce il nostro mondo attraverso varie fasi non è perché ha dovuto, ma per fare il tutto a nostro vantaggio.

Creando il sistema universale in più fasi (come un edificio a più piani o come i pioli di una scala), ci ha dato la possibilità, visto che viviamo al piano inferiore (nella dimensione o mondo più basso) di accedere ai livelli superiori . Ecco perché Hashem ha deciso di creare diverse dimensioni/mondi/universi, dal più alto al più basso. In questo modo possiamo avvicinarci sempre di più a Lui a piccoli passi, gradualmente.

Nello Zohar, Rabbi Shimon bar Yochai ci ha insegnato (circa 1900 anni fa) i nomi di queste diverse dimensioni o mondi, dal più alto al più basso, il nostro mondo.

Il mondo più alto si chiama Olam HaAtzilut (mondo di Azilut), l’universo delle Sefirot. Come spiegano i nostri insegnanti, ci sono due significati della radice della parola Atzilut. Innanzitutto, Atzilut ha le stesse lettere della parola etzel che significa vicino. In questo senso, l’universo di Atzilut può essere chiamato l’”universo della vicinanza (a Dio)”. Atzilut proviene anche dalla radice le’haatzil, emanare. Lo vediamo nella Torah quando Hashem dice a Mosè: “Raduna settanta tra gli anziani di Israele … Portali all’Ohel Moed (Tenda della radunanza) e lasciali lì con te. Io [Hashem] scenderò lì e parlerò con te, ve’atzalti min ha’ruach asher alekha (e farò in modo che parte dello spirito che è su di te possa emanare), e lo metterò anche su di loro, in questo modo porteranno il peso [condivideranno la responsabilità] di questo popolo insieme a te, e non dovrai sopportare [la responsabilità] da solo” (Numeri 11:16-17). Da qui vediamo che il verbo ve’atzalti significa causare l’emanazione. Sulla base di questo, l’universo più alto è anche chiamato “l’universo dell’emanazione”.

Per creare l’universo inferiore successivo, Hashem fece un altro tzimtzum, diminuendo e nascondendo la Sua luce ulteriormente. Il risultato fu la creazione dell’Olam HaBeriah, l’ “universo della creazione”, l’universo delle anime. I nostri saggi spiegano che la radice della parola beriah è בר beit resh (bar). In aramaico, la parola bar significa fuori. Le chayot bar sono degli animali selvaggi che vivono oltre i confini del mondo dell’uomo, nelle foreste e nei campi. Allo stesso modo, qui, poiché la luce di Hashem è stata nascosta ancor più di prima, l’Olam HaBeriah è considerato estremamente distante dalla luce originale di Hashem.

Tuttavia, in relazione al livello di occultamento della luce richiesto per l’esistenza di un mondo, fu necessario un altro tzimtzum, che sfociò nella creazione dell’Olam HaYetzirah, l’Universo della Formazione, l’universo degli angeli, che fu seguito a sua volta dall’Olam HaAsiyah, l’ “Universo dell’Azione” o del “Completamento”, il nostro universo.

Noi viviamo nell’Olam HaAsiyah ma quando preghiamo e studiamo la Torah, riusciamo a sperimentare un po’ della luce dei mondi superiori di Yetzirah, Beriah e Atzilut, pur vivendo quaggiù.

Ci è stato anche promesso che, nel momento in cui Hashem lo deciderà, il nostro mondo inferiore sarà completamente infuso dall’Alto con la luce dell’Olam HaYetzirah. Successivamente, sia l’Olam HaAsiyah che l’Olam HaYetzirah verranno infusi con la luce dell’Olam HaBeriah. Alla fine, tutto ritornerà al livello dell’Olam HaAtzilut.

C’è molto altro da dire su tutto questo, tuttavia questo breve scritto può aiutare ad avere una visione di base dell’universo multilivello in cui viviamo, e di come Hashem ha dato alla luce tutto questo per noi, a vantaggio eterno delle nostre neshamot/anime.

Se ti interessano queste lezioni iscriviti alla nostra scuola di cabala via e-mail. Informazioni ulteriori scrivendo a scuoladicabala@gmail.com

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.